Marcatura CE

Marcatura CE

La Marcatura CE viene apposta dal costruttore sulla base dei dati oggettivi, raccolti in un Fascicolo Tecnico, che comprendono i risultati di prove che dimostrano la conformità del prodotto ai requisiti delle Direttive Europee applicabili.

Analytical CETACE accompagna il proprio cliente nel tragitto per l’adempimento dei requisiti richiesti dalle Direttive Europee, esegue prove e verifiche in accordo alle Norme Europee di prodotto e, in caso di esito positivo dei test, rilascia Attestato di Conformità alle Direttive Europee per l’apposizione della marcatura CE.

Direttiva Bassa Tensione

La Direttiva Bassa Tensione (2006/95/CE) ha come obiettivi primari:

  • tutelare la sicurezza dell’impiego del materiale;
  • garantire la libera circolazione dei prodotti elettrici negli stati membri;
  • assicurare il rapido adeguamento al progresso tecnologico.

Il suo campo di applicazione è estremamente vasto comprendendo tutti i materiali elettrici (apparecchi e componenti ) previsti per essere utilizzati a tensione nominale tra 50 V e 1000 V in c.a. e tra 75 V e 1500 V in c.c.

Il fabbricante è tenuto, secondo gli obblighi di legge, ad apporre la marcatura CE sul prodotto. A tal fine, deve redigere una dichiarazione di conformità e preparare una documentazione tecnica, che attesti la conformità del prodotto rispetto ai requisiti della Direttiva.

Direttiva Compatibilità Elettromagnetica

La Direttiva Compatibilità Elettromagnetica (2004/108/CE) regola l’impiego di apparecchiature elettriche e elettroniche che possano produrre perturbazioni elettromagnetiche o il cui funzionamento possa essere influenzato da perturbazioni generate da altre fonti di disturbo. Si applica anche a impianti e istallazioni che contengano apparecchiature e componenti elettrici e/o elettronici. Il fabbricante è tenuto, secondo gli obblighi di legge, ad apporre la marcatura CE sul prodotto. A tal fine, deve redigere una dichiarazione di conformità e preparare una documentazione tecnica, che attesti la conformità del prodotto rispetto ai requisiti della Direttiva.

Direttiva ROHS2

Dal 3 gennaio 2013 i prodotti che rientrano nella direttiva 2011/65/EU, se non conformi ai requisiti previsti, non possono più riportare la marcatura CE e, pertanto, non hanno la facoltà di vendita sul mercato Europeo.

Le principali modifiche introdotte dalla RoHS 2 riguardano:

  • l’estensione a nuove categorie di prodotti
  • l’introduzione della stessa all’interno della direttiva per la marcatura CE basata sul modulo A della decisione 768/2008/CE.

Ciò significa che il produttore, ovvero fabbricante, mandatario, importatore e distributore, è responsabile del controllo interno della produzione e della valutazione della conformità e dichiara sotto sua esclusiva responsabilità, che i prodotti in questione soddisfano le prescrizioni legislative.

Per informazioni e maggiori dettagli, invitiamo a contattare i nostri uffici all’indirizzo

cetace@analytical.it